logo-bianco

Contattaci

Via Pradat Candie, 43
33082 Azzano Decimo (PN)
Italia - Italy

Tedesco Sergio: 335 60 90 482
Tedesco Cristian: 349 09 66 580

info@tedescocostruzioni.com

Folow Us

Bonus 100%: Novità dall’ Agenzia delle entrate

Dopo le novità del decreto aiuti bis che ha limitato la responsabilità in solido nella cessione del credito del superbonus 110 ai casi di dolo e colpa grave, arrivano i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. Nella nuova circolare n 33/E,  le Entrate hanno dato le precisazioni in merito alla cessione dei crediti ai correntisti degli istituti di credito e agli indici di diligenza. Inoltre vengono date istruzioni in merito alla gestione di eventuali errori nella comunicazione dell’opzione della cessione del credito e dello sconto in fattura.

Responsabilità solidale del superbonus

Il documento di oggi fornisce chiarimenti sulla disciplina della responsabilità solidale del fornitore che ha applicato lo sconto in fattura e del cessionario del credito, qualora sia accertata la mancata sussistenza, anche parziale, dei requisiti che danno diritto alla detrazione d’imposta. Sempre alla luce delle modifiche normative introdotte dal decreto Aiuti-bis (Dl n.115/2022), la circolare fornisce inoltre una più specifica chiave di lettura degli indici di diligenza in capo agli acquirenti dei crediti d’imposta, che hanno un carattere esemplificativo e sono finalizzati a rendere omogenea e trasparente l’azione dell’Agenzia sul territorio nazionale.

Cessione dei crediti ai “correntisti” 

La circolare commenta inoltre le novità introdotte in sede di conversione del decreto Aiuti, in merito alla possibilità per le banche o le società appartenenti ad un gruppo bancario di cedere i crediti ai “correntisti” (diversi dai consumatori o utenti), fermo restando il divieto per il correntista cessionario del credito di operare ulteriori cessioni.

Ritado comunicazione cessione credito superbonus

Finestra temporale più ampia per coloro che non hanno inviato nei tempi la comunicazione per l’esercizio dell’opzione per lo sconto in fattura o la cessione del credito, ossia entro il 29 aprile 2022 per le spese sostenute nel 2021 e per le rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese sostenute nel 2020. È infatti possibile avvalersi, a determinate condizioni, della “remissione in bonis”, istituto che consente di inviare la comunicazione fino al 30 novembre 2022 (termine di presentazione della dichiarazione dei redditi), versando un importo pari alla misura minima della sanzione stabilita.